Close

Questo sito utilizza cookie. Può leggere come li usiamo nella nostra Privacy Policy.






Il G.A.E.P. è nato dalla passione per l'esplorazione della natura di un gruppo di poche persone: con il tempo, le persone sono cambiate, ma lo spirito è rimasto lo stesso.
L'origine del G.A.E.P. è riassunta in un articolo pubblicato nel 1947 sul quotidiano locale di Piacenza.
Alla voce "Consiglio Direttivo" è possibile consultare l'elenco degli attuali componenti del Consiglio del G.A.E.P.
E' un'associazione (vedi Statuto) senza scopo di lucro, formata da persone che amano la montagna e le escursioni.
La progettazione di queste ultime è sempre puntigliosa e accurata: nel programma dettagliato è possibile trovare anche il grado di difficoltà e impegno richiesto da ogni escursione.
Il G.A.E.P. ha un recapito, una sede "cittadina" e una sede "montana": l'esatta ubicazione e gli estremi per contattare l'associazione sono riportati nei "Contatti".
Nel sito sono presenti anche informazioni riguardanti il Rifugio Vicenzo Stoto e il suo Regolamento: per ulteriori informazioni sulla disponibilità delle stanze non dovete fare altro che contattarci.
Vi aspettiamo in vetta.

La nostra storia
il Rifugio
Sentiero "A.Ferrari"
Consiglio direttivo
Statuto
Campagna associativa

il tuo 5 per mille



IN EVIDENZA
latovest

latonord
Rifugio webcam lato nord
----------------------------
Lunga Marcia
Tre percorsi non competitivi:
33 km-Lunga Marcia
25 km-Marcia intermedia
11 km-Marcia di montagna
[info e iscrizioni]

Trail
----------------------------
Giancarlo Peroni
Uomo GAEP
CamminaGaep 2019
Programma serate 2019


ARCHIVIO




PROSSIMI APPUNTAMENTI





Escursione

27-28 luglio

Alto Adige–Val Pusteria-Croda Rossa di Sesto. Strada degli Alpini e Tre Rifugi   EE + EEA


Croda RossaL'uscita di due giorni ci permetterà di addentrarci nelle dolomiti di Sesto, denominato Parco Naturale. Il parco, che dal 2009 è parte del patrimonio naturale dell'Unesco, si estende su una superficie di circa 116 ettari ed è ripartito tra i comuni di Sesto, San Candido e Dobbiaco. Il sentiero degli alpini è sicuramente una delle vie più belle di tutte le Alpi, rievoca le strategie militari di un secolo fa e conduce gli alpinisti sul fronte della prima guerra mondiale.
1° giorno (EE) Dalla Val Fiscalina seguendo il largo sentiero si arriva al rifugio Fondovalle, poi si imbocca il sentiero 103, che si percorre fino al rifugio Comici, dove pernotteremo.
Dislivello: + 770 m Tempo: 3/3,5 ore
2° giorno Saranno possibili due itinerari. Il primo (EEA) affronterà la ferrata (Strada degli Alpini) arriverà fino al Passo della Sentinella, per poi discendere fino al parcheggio della Val Fiscalina. Dislivello: + 600 m/ - 1300 m Tempo: 8 ore (ferrata 5 ore)
Il secondo gruppo (EE) dal rifugio Comici con il segnavia 101 fino al Passo Fiscalino (2519 m). Dal passo ci si porta in breve al rifugio Pian di Cengia (2528 m), poi Cima di Mezzo (2677 m), proseguiamo fino al rifugio Locatelli dove ci attende la visione delle tre cime di Lavaredo. Da qui scenderemo in Val Fiscalina.
Dislivello: + 500 m/ - 1000 m Tempo: 6 ore ca.

Programma
Modalità di
iscrizione e

pagamento





Buone ferie





Escursione

7-8 settembre


Val d’Aosta – Cogne - Rifugio Sogno di Berdzè   EE

Sogno di Berz1° giorno: Partenza da Piacenza, arrivo a Cogne m 1540. Attraverso il vallone Urtier giungeremo al Rifugio. Il Rifugio è stato voluto dalla famiglia Sogno di Cogne la quale possedeva già un alpeggio in località Péradzà. È stato poi realizzato dal signor Berger (Berdzé).
Da qui il nome completo Rifugio Sogno di Berdzé al Péradzà. L'inaugurazione del rifugio è avvenuta nel 2003.
Tempo di percorrenza 4/5 ore - Dislivello: +1050/-60 m
2° giorno: Per il ritorno compiamo un bello e lunghissimo giro ad anello, scendendo  appena sotto il colle si incontra la deviazione per il Lago Ponton, si prosegue su comodo sentiero e in circa 40 minuti si giunge all'Alpe Ponton e al lago. Da qui si prosegue fino ad intercettare la poderale che arriva dal rifugio Sogno Berzè. Percorriamo la lunga poderale, giungiamo al punto di partenza.
Tempo di percorrenza 6/6.30 ore - Dislivello: +670/-1658 m


Escursione

22 settembre


Friuli Venezia Giulia - Vajont   E+EEA

Diga VaiontDue gli itinerari proposti per approfondire la storia del Vajont. Il primo di tipo escursionistico lungo la zona sottostante la diga nella zona della frana del Monte Tóc, precipitata il 9 ottobre 1963 nel bacino artificiale sbarrato dalla diga del Vajont. Con il percorso escursionistico si ha la possibilità di effettuare una visita guidata (durata 3 ore, 10 euro a persona). Il secondo percorso, con la via ferrata della Memoria, salirà le pareti della gola del Vajont nella quale, la massa d'acqua della diga si incanalò per poi riversarsi nella sottostante valle del Piave (difficile, grado D il tratto centrale con elevata esposizione). Riunione dei due gruppi per la visita all'abitato di Erto: pranzo al sacco o eventualmente presso l'osteria Julia (prezzo forfait Euro 7.00). Sosta al Centro Visite di Erto e Casso (PN) uno tra i più importanti e completi centri di documentazione sul disastro del Vajont.  Visita al borgo storico e all'enoteca. In alternativa, visita al Museo Attimi di Storia di Longarone inaugurato nel 2009 e creato in memoria della tragedia del Vajont.




80 anni Croce Carevolo video Esmeralda Davide Chiesa
Gli 80 anni del GAEP Croce sul Carevolo Grazie!!! a Giovanni e Michela per questo stupendo video che offre una panoramica di tutta la Lunga Marcia Esmeralda Expedition Grazie!!! a Davide Chiesa, socio onorario GAEP, che ha portato il nostro gagliardetto sulla cima più alta del mondo


good hits